NOVITA'

#Boschidistorie e la Val di Bisenzio a Bell’Italia: sabato alle 11 su Rai 3 la puntata dedicata a pellegrini e leggende

Protagonista e “voce narrante” Alessia Cecconi, direttrice della Fondazione Cdse

#Boschidistorie e la Val di Bisenzio a Bell’Italia: sabato alle 11 su Rai 3 la puntata dedicata a pellegrini e leggende
Cronaca Piana Fiorentina, 11 Dicembre 2020 ore 13:31

#Boschidistorie e la Val di Bisenzio, terra di leggende e di foreste incontaminate, in un bellissimo servizio di Bell’Italia, la trasmissione di Rai 3 che esplora le meraviglie del nostro paese. Protagonista di questo regalo speciale per la Val di Bisenzio e gli appassionati di storia e arte la Fondazione Cdse, con la “voce narrante” della direttrice Alessia Cecconi. Il Cdse fin dalle prime settimane di lockdown nel marzo scorso, ha progettato e realizzato una serie di video, pubblicati poi sui Social della Fondazione e dei Comuni della Val di Bisenzio, Vernio, Vaiano e Cantagallo, su storia, ambiente, memoria e leggende del territorio.

Il gioiello verde tra Prato e Bologna

La speciale puntata di Bell’Italia va in onda domani, sabato 12 dicembre alle 11 su Rai 3 si intitola Pellegrini e leggende in Val di Bisenzio e va alla scoperta di quello che viene definito un gioiello verde incastonato fra Prato e Bologna, crocevia di pellegrini e leggende medievali. I luoghi che saranno scenario del racconto sono principalmente la Rocca e Cerbaia e le leggende dantesche e la Badia di Montepiano con il Beato Pietro.

“Su favole, leggende e storie ambientati nei fitti boschi delle nostre montagne stiamo lavorando con grande passione ed entusiasmo, con l’obiettivo di conservare e valorizzare la memoria orale del Novecento e i patrimoni narrativi dei nostri Appennini – spiega Alessia Cecconi – Intanto prosegue la produzione di #Boschidistorie, che fa parte del progetto finanziato dalla Regione Toscana Boschi di memoria nell’Appennino. I nuovi video, uno speciale regalo di Natale, verrano pubblicati fino a gennaio 2021 sui canali Social e sul canale You Tube della Fondazione Cdse.”

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità