NOVITA'

Banca Alta Toscana consegna 39 borse di studio

Stanziati riconoscimenti per 23.200 euro. La cerimonia di premiazione quest’anno non si terrà, causa restrizioni da Covid 19. Il presidente Alberto Banci scrive ai ragazzi: «Il credito cooperativo ha bisogno della vostra adesione».

Banca Alta Toscana consegna 39 borse di studio
Cronaca Prato, 27 Novembre 2020 ore 15:54

Banca Alta Toscana Credito Cooperativo consegna 39 borse di studio ad altrettanti giovani che hanno ottenuto la laurea magistrale, il diploma superiore o la licenza media con il massimo dei voti. Un’iniziativa storica, giunta alla 23° edizione, dedicata a soci e figli di soci dell’istituto di credito, che intende premiare il merito scolastico e che quest’anno assegna riconoscimenti per un totale di 23.200 euro.

Nessuna cerimonia in questo 2020

A causa delle norme anti-contagio, purtroppo non si potrà tenere la tradizionale cerimonia di premiazione che ogni anno, il primo sabato di dicembre, vedeva l’auditorium della Banca a Vignole di Quarrata riempirsi di tante famiglie per una vera e propria occasione di festa. La comunicazione ai vincitori delle borse di studio giungerà ai 39 ragazzi attraverso una lettera, scritta dal presidente di Banca Alta Toscana Alberto Banci, che ha fatto loro i complimenti per i brillanti risultati conseguiti, nonostante le difficoltà affrontate (le restrizioni da Covid 19, la didattica a distanza) e ha rimarcato le caratteristiche e i principi costitutivi delle Banche di Credito Cooperativo: attività rivolta alle comunità locali, democrazia economica, mutualità verso i soci, devoluzione di parte rilevante degli utili in beneficenza.

«Per il proseguimento della propria storia e per poter continuare a sostenere le comunità locali e le famiglie del territorio, la Banca ha e avrà bisogno della comprensione e dell’adesione a quegli ideali del Credito Cooperativo che si sono tramandati da 116 anni a questa parte – ha scritto ai giovani assegnatari delle borse di studio Alberto Banci -. Confido che, anche se quest’anno non ci potremo salutare personalmente e scattare una foto ricordo, ricorderete, in futuro, che ad aver riconosciuto i vostri meriti è stata una Bcc e che vorrete quindi aderire a questo modo antico di fare banca ma assolutamente ancora efficiente, necessario e democratico».

In 23 anni, il bando per borse di studio, che l’allora BCC di Vignole istituì nel 1998, ha premiato quasi 900 studenti e distribuito oltre 700 mila euro.

Ma vediamo chi sono i premiati di quest’anno, che risiedono nei vari territori di competenza della Banca, nelle province di Pistoia, Prato e Firenze.

I 28 neolaureati con 110 o 110 e lode che ricevono una borsa di studio da 700 euro (di cui 600 euro in denaro e 100 euro per l’apertura di un fondo pensione) sono: Marco Antelletti, Simone Baldassarri, Alessia Baldi, Giada Bargiacchi, Camilla Bruni, Vittoria Cecchi, Marco Cocivera, Cristiano Colligiani, Giulia Domina Scrima, Alessia Gori, Chiara Grillini, Drusilla Firindelli, Jacopo Lomi, Andrea Marzocco, Jessica Russotto, Sara Torracchi, Chiara Trovi, Virginia Vannacci, Andrea Vincitorio, Irene Zinanni (Università di Firenze), Greta Del Nista e Livia Tolve (Università di Pisa), Alessandro Nogara (Università di Genova), Laura Melani e Andrea Pratesi (Università del Sacro Cuore di Milano), Alessandro Innocenti (Politecnico di Milano), Matteo Nerini (Università di Bologna), Matteo Rossini (Università di Ferrara).

I ragazzi che si sono diplomati con la votazione di 100 o 100 e lode, che hanno meritato la borsa di studio di 400 euro (di cui 350 in denaro e 50 in buono per l’apertura di un fondo pensione) sono: Chiara Bragagni, Sofia Corrente, Giulio Fiorentini, Federica Guarducci, Francesca Leggieri, Rosy Petrucci, Sofia Selmi.

Gli studenti che hanno concluso la scuola media inferiore con 10 o 10 e lode, assegnatari di borsa di studio di 200 euro (di cui 150 euro in denaro e 50 euro per fondo pensione) sono: Lorenzo Buoncompagni, Sofia Casadei, Lorenzo Dali e Giulia Lunardi.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità