CRONACA

Bambina di quattro anni morsa da un cane: denunciate due persone

Il cane, senza alcun apparente motivo, sfuggendo al controllo dei conduttori, ha aggredito la piccola procurandole una ferita al volto.

Bambina di quattro anni morsa da un cane: denunciate due persone
Firenze, 19 Agosto 2020 ore 15:34

Bambina di quattro anni morsa da un cane: denunciate tre persone

Nella giornata di ieri 18 agosto, i Carabinieri della Stazione di Barberino di Mugello, all’esito degli accertamenti del caso, hanno denunciato in stato di libertà un 24enne residente in quel centro e una ragazza molisana di 22 anni. La sera precedente, mentre portavano a passeggio un cane di razza “Akita”, a loro affidato, non sono riusciti ad evitare il ferimento di una bambina di quattro anni, anche lei all’aperto in compagnia della madre.

Il cane, infatti, senza alcun apparente motivo, sfuggendo al controllo dei conduttori, ha aggredito la piccola procurandole una ferita al volto. I due, quantunque invitati dalla madre della piccola a fornire le loro generalità, si sono invece allontanati facendo perdere momentaneamente le loro tracce. La donna, preoccupata per la salute della figlia, ha ricevuto dapprima assistenza da personale sanitario di Barberino e poi dall’ospedale pediatrico “Meyer”. I medici, dopo le cure del caso, hanno dimesso la piccola paziente con una prognosi di sette giorni, dopo averla tenuta in osservazione per l’intera notte.

Contestato il reato di lesioni personali

I Carabinieri della Stazione, appresa la notizia, si sono immediatamente attivati per ricercare i due conduttori e, grazie alle testimonianze raccolte, supportate anche da alcune immagini recuperate sui social network, sono riusciti ad individuarli, contestando loro il reato di lesioni personali patite dalla minore. Gli stessi, assieme al proprietario dell’animale, dovranno rispondere anche della contravvenzione stabilita dalla legge per il malgoverno del cane.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità