PROFESSIONISTI DELLA RAPINA

Avevano rapinato anche giocatore del Milan: fermati nel senese

Il giocatore si è poi presentato in Questura per sporgere denuncia e qui è scattata l’operazione con il riconoscimento dell’orologio, confrontato con quello rinvenuto dai colleghi di Arezzo.

Avevano rapinato anche giocatore del Milan: fermati nel senese
Firenze, 11 Giugno 2020 ore 08:47

Due professionisti delle rapine, trasfertisti abituati ai colpi mordi e fuggi. E’ l’identikit dei due uomini che martedì 9 giugno hanno aggredito e rapinato il calciatore del Milan Samu Castillejo,  minacciandolo con una pistola e facendosi consegnare un Audemars Piguet da 80mila euro.

Avevano rapinato anche giocatore del Milan

Rapina a Castillejo, a Brugherio la base  dei banditi

Come riportano i nostri colleghi di PrimaLaMartesana.it, i due sono stati fermati 24 ore dopo il colpo da una pattuglia della Stradale di Arezzo nell’area di servizio Bettolle dell’autostrada A1, in provincia di Siena. E dopo aver accertato che l’orologio che avevano con loro era lo stesso del calciatore sono  stati sottoposti a fermo di polizia giudiziaria. Contemporaneamente gli uomini dell’Antirapine hanno perquisito un’abitazione di Brugherio, ritenuta il covo dei due trentenni.

La rapina

Il colpo ai danni del giocatore era avvenuto alle 18 di martedì. Castillejo era uscito di casa per acquistare il pane ed era stato bloccato dai rapinatori  a bordo di un motorino mentre era in macchina in piazzale Principessa Clotilde. Uno dei due gli aveva puntato contro una pistola, costringendolo a consegnare l’orologio, del valore di circa 80mila euro. Poi i due erano scappati con due motorini diversi. La denuncia del fatto era avvenuta tramite lo stesso calciatore, che aveva raccontato l’accaduto con un post su Instagram.

Le indagini

Il giocatore si è poi presentato in Questura per sporgere denuncia e qui è scattata l’operazione con il riconoscimento dell’orologio, confrontato con quello rinvenuto dai colleghi di Arezzo. Secondo le informazioni raccolte si tratterebbe di due professionisti delle rapine, capaci di mettere a segno colpi “mordi e fuggi” e di far perdere in pochi istanti le proprie tracce. Ma non questa volta.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità