Menu
Cerca
cronaca

Ancora scontri e minacce tra giovanissimi in due zone diverse di Prato, i giardini di via Picasso e quelli Sacra Famiglia

All’origine dei fatti ci sarebbe una discussione avvenuta tra due ragazzi sul social network houseparty,

Ancora scontri e minacce tra giovanissimi in due zone diverse di Prato, i giardini di via Picasso e quelli Sacra Famiglia
Cronaca Prato, 06 Marzo 2021 ore 21:31

Ancora scontri e minacce tra giovanissimi in due zone diverse di Prato, i giardini di via Picasso e quelli Sacra Famiglia

Quattro persone a bordo di una Kia rossa, nel tardo pomeriggio di oggi, hanno fatto irruzione nei giardini di Via Picasso per minacciare alcuni ragazzini di 13 anni con l’intento di farsi dare l’indirizzo di due coetanei.

I quattro ragazzi arrivati in macchina, stando ai racconti dei giovanissimi, sarebbero tutti maggiorenni arrivati come rinforzo in difesa di altri minorenni del gruppo opposto. Tra questi anche un cittadino marocchino che con toni aggressivi avrebbe spaventato i ragazzi e chiesto loro l’indirizzo di casa di un loro amico con l’intento di picchiarlo.

“Dacci l’indirizzo di casa che li andiamo a picchiare”

L’attacco di oggi è stato il continuo di una rissa avvenuta la settimana scorsa ai giardini della “Sacra”.  Sabato scorso, il gruppo di cui fanno parte anche i quattro della kia rossa, hanno inseguito alcuni ragazzi costringendoli ad inginocchiarsi e a “chiedere scusa” minacciandoli con un coltellino e versando addosso ad alcuni di loro dell’acqua.

“Volevano umiliarlo davanti a tutti e hanno girato dei video” racconta uno dei ragazzini ancora scosso dall’accaduto “Giravano voci che sarebbero venuti in 150 a picchiarci in Sacra oggi e invece sono venuti qui a chiederci gli indirizzi di casa di alcuni di noi”.

Non appena si sono conto di quanto stava succedendo i più giovani hanno immediatamente avvisato la polizia che è arrivata sul posto insieme ad alcuni genitori stremati.

Quello di oggi è stato un secondo avvertimento ma stavolta i “rinforzi” erano tutti maggiorenni

All’origine dei fatti ci sarebbe una discussione avvenuta tra due ragazzi sul social network houseparty, quella che sembrava una semplice litigata di poco conto è poi degenerata arrivando alla formazione di due gruppi contrapposti.

“Pensavamo fosse finita lì e non è stato così. Uno esce per passare un pomeriggio fuori e si trova minacciato da 80 persone, è incredibile” racconta un ragazzo.

“Sabato scorso stavamo aspettando dei nostri amici ma pensavano che fossimo lì per loro e quindi hanno iniziato a infastidirci da lì è stato un continuo”.

Una spedizione da parte di ragazzi più grandi come ennesimo avvertimento nei confronti del gruppo di tredicenni di Via Picasso. Le forze dell’ordine arrivate sul posto hanno chiesto ai ragazzi cosa fosse successo e stanno adesso valutando alcuni filmati girati.

Nessuno di loro è rimasto ferito ma lo spavento è tanto, quella che sembrava una semplice lite tra ragazzi di 13 e 16 anni assume adesso dei tratti più gravi e preoccupanti.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli