Difesa del suolo

A Calenzano la messa in opera di un nuovo mezzo operativo del Consorzio medio Valdarno

Il nuovo trattore è equipaggiato con sistema trinciante della larghezza di 1,2 metri e un braccio capace di estendersi fino a 13 metri per una sempre migliore manutenzione delle opere e sistemazioni idrauliche del comprensorio.

A Calenzano la messa in opera di un nuovo mezzo operativo del Consorzio medio Valdarno
Piana Fiorentina, 17 Agosto 2020 ore 11:01

A Calenzano la messa in opera di un nuovo mezzo operativo del Consorzio medio Valdarno

Ha cominciato a lavorare sugli argini della cassa di espansione Le Carpognane nel comune di Calenzano il nuovo mezzo operativo che il Consorzio ha comprato per migliorare il proprio parco mezzi d’opera e dunque le proprie capacità operative anche nell’ambito delle manutenzioni programmate.
Si tratta di un nuovo trattore gommato, che ha preso il posto di uno ormai vecchio, e che è dotato, come ormai tutti i nuovi mezzi d’opera, di molte innovazioni tecnologiche, a partire dalla strumentazione di bordo per il comfort e la sicurezza dell’operatore.
Equipaggiato con sistema trinciante della largejzza di taglio di 1,2 m montato su un braccio decespugliatore ventrale telescopico della lunghezza massima di 13 metri questo nuovo mezzo, d’istanza presso la sede operativa di Ponte Sala all’Osmannoro sarà fondamentale per l’esecuzione degli sfalci in cui sono richiesti grandi sbracci in profondità.

Il commento del presidente Marco Bottino

“Il Consorzio dispone di un notevole parco mezzi, rinnovato e ampliato con investimenti davvero considerevoli negli ultimi cinque anni – ricorda il Presidente del Consorzio Marco Bottino – la dotazione tecnico-operativa è fondamentale per far lavorare sempre meglio e in sempre maggiore sicurezza il nostro preziosissimo personale che nella cura dei nostri corsi d’acqua mai si ferma, né durante l’emergenza Covid né in questi giorni centrali di agosto”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità