il ringraziamento

Va in pensione la farmacista Fabrizia Vannucchi

«Il mio è un grazie e un arrivederci a tutti i vaianesi, perché qui ho ancora la mia famiglia e spero ci rivedremo spesso»

Va in pensione la farmacista Fabrizia Vannucchi
Attualità Piana Fiorentina, 11 Luglio 2021 ore 10:30

E’ stata per decenni un punto di riferimento, insieme a colleghi e colleghe, della farmacia cooperativa di Vaiano. Con la sua gentilezza, professionalità, i modi garbati e la tranquillità che l’hanno sempre caratterizzata, mercoledì è andata in pensione Fabrizia Vannucchi, 65 anni, in farmacia a Vaiano dal 1990.
Nata e cresciuta a Vaiano, figlia di quel Gianfranco Vannucchi che ha avuto per una vita intera un’impresa edile molto conosciuta in Vallata, Fabrizia si è laureata in farmacia e ha poi fatto una specializzazione nel mondo della cosmesi. Appena laureata è entrata al lavoro alla farmacia Mellini, una farmacia nel centro di Firenze, dove è rimasta per alcuni anni.
«Anni bellissimi - ha ricordato lei - che ancora ricordo con tanto affetto. Ero giovane e lavorare a Firenze era molto bello, passeggiare per il centro della città, passare la pausa pranzo tra le vie più belle del mondo insomma».
Poi però le arrivò la proposta dalla farmacia di Vaiano.
A quella proposta di assunzione, nel suo paese di origine, dove ancora viveva, non poteva proprio dire di no.
«Vaiano è il mio paese, ci sono nata e cresciuta, conosco tante persone, anche se da molti anni vivo a Lastra a Signa. Ma va bene così».
Per più di venti anni forse non tutti sanno che si è fatta 80 chilometri tutti i giorni, 40 all’andata e 40 al ritorno, ma sempre con il sorriso sulle labbra per continuare a lavorare a Vaiano dove ancora oggi vivono i suoi genitori e dove, promette Fabrizia oggi, la si vedrà ancora spesso proprio per questo motivo.
«Sono stata assunta in farmacia a Vaiano il primo giugno del 1990. Avendo fatto la specializzazione sulla cosmesi anche qui mi sono sempre occupata un po’ di questo settore, sulle tecniche cosmetiche. A quei tempi c’era come direttore il dottore Lucio Pisellini, e dei miei colleghi di allora ero rimasta solo io, gli altri sono già andati tutti in pensione: Pasquinelli, Bragheroli e una commessa della Briglia. Quindi sono sempre stata qui, anche se nel tempo poi sono andata a vivere alla Lastra, non ho mai cercato di spostarmi. Perché qui ci stavo bene, senza contare poi alla comodità perché comunque i miei genitori vivono qui».
Va in pensione Fabrizia, dopo un periodo molto difficile come quello della pandemia.
«Sono stati mesi impegnativi - ha ricordato lei - in cui però anche la farmacia di Vaiano ha sempre cercato di dare e fare tutto il possibile, proprio come farmacia di servizio».
In più di 30 anni di lavoro a Vaiano Fabrizia Vannucchi ha visto il susseguirsi di tutti i presidenti della farmacia cooperativa: «Quando sono entrata c’era Bartolozzi, poi Baldini, Taiti e infine ora Fedi. Così come i direttori fino al direttore Bicchi e ai miei colleghi di oggi che saluto tutti. Ora si può dire che dei più storici ero rimasta solo io. Il mio è un saluto e un grazie a tutti i vaianesi, un arrivederci in realtà perché poi a Vaiano continuo ad avere le mie radici, la mia famiglia e ci vedremo ancora spesso».