Attualità
la protesta

Sit-in dei sindaci del Mugello davanti a Rfi per la situazione della Faentina. Gandola (FI): "E perché non davanti la Regione?"

Giornata di protesta a Firenze da parte dei sindaci del Mugello per la situazione della linea ferroviaria Faentina: con loro anche il consigliere metropolitano di Forza Italia, Paolo Gandola.

Sit-in dei sindaci del Mugello davanti a Rfi per la situazione della Faentina. Gandola (FI): "E perché non davanti la Regione?"
Attualità Firenze, 10 Dicembre 2021 ore 17:43

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del consigliere metropolitano di Forza Italia Paolo Gandola in merito al sit-in che si è tenuto a Firenze per protestare sulla situazione relativa alla ferrovia Faentina.

Paolo Gandola (FI) e il sit-in per la Faentina a Firenze

“Oggi davanti alla sede di RFI a Firenze non ho voluto mancare, proprio per testimoniare l’attenzione che il sottoscritto e tutta Forza Italia ha sul tema delle infrastrutture e della mobilità, ma meglio sarebbe stato se i Sindaci del Mugello presenti avessero deciso di transitare anche da Palazzo del Pegaso e da Palazzo Sacrati Strozzi, visto che la Regione Toscana, politicamente amica loro, è certamente parte in causa quando parliamo di disservizi, mancati investimenti e disastro infrastrutturale nella nostra area metropolitana”,

Così Paolo Gandola, Consigliere metropolitano di Forza Italia – Centrodestra per il cambiamento stamani presente al sit in promosso dai sindaci del Mugello.

“Non c’è che dire – prosegue Gandola – l’iniziativa di oggi importante e non scontata, ha anche un sapore di beffa. Infatti, mi pare di capire che vi sia da parte del PD e dei suoi eletti, Sindaci in primis, la volontà di scaricare tutte le responsabilità su RFI e Trenitalia, dimenticando invece le gravi responsabilità di Regione Toscana sul tema. Insomma, una manifestazione che ha il sapore di politicamente schierato, ma che con la presenza anche di forze di opposizione, sebbene non invitate, cerca di riequilibrare un attimo il ragionamento sugli investimenti mancati, soprattutto per ciò che concerne la ferrovia Cenerentola della Città Metropolitana di Firenze, ovvero la Faentina. Qui dei famosi 30 milioni di Euro, compensativi dei danni provocati dalla TAV non si è avuto contezza, se non qualche riverniciata e tinteggiatura di stazioni, ma i problemi sono ben altri.

A questo punto, dicono Gandola e Ridolfi, Capogruppo di Forza Italia all’Unione dei Comuni del Mugello, vogliamo chiarezza circa gli investimenti che saranno realizzati sulla tratta. Qui dei famosi 30 milioni di Euro, compensativi dei danni provocati dalla TAV non si è avuto contezza, se non qualche riverniciata e tinteggiatura di stazioni, ma i problemi sono ben altri. Non accetteremo più chiacchiere e scommesse, ma pretendiamo di conoscere tempi certi e definitivi su quando verranno consegnate le carrozze ed il nuovo materiale rotabile di cui si discute da anni. Inoltre vorremmo capire se per la linea sono in previsione dei miglioramenti infrastrutturali e tecnologici che pongano fine ai quotidiani ritardi, nonché capire quali investimenti saranno messi in campo per l’eliminazione di tanti passaggi a livello, ancora presenti in alto numero nelle nostre zone. Non crediamo che sia la volta buona perché, purtroppo, conosciamo con chi abbiamo a che fare, l’unica speranza è che siano anche i cittadini, prima a poi, a capirlo – concludono Gandola e Ridolfi.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter