Attualità
NOVITA'

Problemi del carcere, iniziativa del Gruppo Scout Agesci Prato 4: domenica 26 settembre, in piazza Santa Maria delle Carceri

“Come scout siamo chiamati a impegnarci per conoscere meglio la realtà in cui viviamo e ogni anno scegliamo una tematica da approfondire”, sottolineano gli organizzatori. La protesta

Problemi del carcere, iniziativa del Gruppo Scout Agesci Prato 4: domenica 26 settembre, in piazza Santa Maria delle Carceri
Attualità Prato, 25 Settembre 2021 ore 10:35

Domenica 26 settembre, il Clan Wauregan del Prato 4 (formato da ragazzi tra i 17 e i 20 anni), sarà in piazza Santa Maria delle Carceri per condividere con la città i risultati di un lavoro portato avanti per un anno intero. “Come scout siamo chiamati a impegnarci per conoscere meglio la realtà in cui viviamo e ogni anno scegliamo una tematica da approfondire”, sottolineano gli organizzatori.

La protesta

In piazza ci saranno tre tavoli per conoscere meglio, anche attraverso cartelli e filmati, i problemi del carcere e il lavoro svolto dai giovani del Prato 4. “Dopo un anno di lavoro siamo pronti a presentare il nostro approfondimento su una dimensione come quella del carcere, le cui dinamiche, ricevono sempre poca attenzione - mettono in evidenza - In particolare, vogliamo sensibilizzare le persone che vorranno partecipare su tre tematiche precise: i maltrattamenti, il sovraffollamento e il reinserimento sociale”.

Il gruppo, lo scorso luglio, ha partecipato a un campo dell’Associazione Libera a Sessa Aurunca (Caserta), nella Cooperativa Sociale Al di là dei sogni. “Un luogo di redenzione che accoglie e si occupa del reinserimento di ex carcerati nella società. Abbiamo condiviso le ore di lavoro, le ore di riposo, pasti e risate con chi viene emarginato a causa di scelte sbagliate fatte nel passato”, raccontano i giovani.

Questa esperienza li ha resi più consapevoli, li ha cambiati e ha aggiunto un ulteriore tassello al percorso di quest’anno. “Ora come non mai, abbiamo voglia di prendere la nostra vita e tirarne fuori il meglio, siamo quindi felici di presentare alla città il nostro lavoro, tanto faticoso quanto interessante e ricco di forti emozioni”, concludono.