Attualità
Provincia di Prato

Immissione fauna ittica da parte della Polizia Provinciale

Rio Meo, Torrente Fiumenta, Torrente Torbola, Fosso di Maciano, Torrente Carigiola, Rio Maggiore, Fiume Bisenzio, Torrente Fiumicello, Rio Allese, Rio Cambiaticcio, Rio Fornelli, Fosso di Bronia e Torrente Bagnolo

Immissione fauna ittica da parte della Polizia Provinciale
Attualità Prato, 10 Maggio 2022 ore 10:06

Il Corpo di Polizia Provinciale di Prato, tra le varie materie di competenza proprie della Provincia, ha anche le materie passate dalla Provincia alla Regione, che la stessa ha ri-delegato alla Polizia provinciale, con particolare riferimento alle attività inerenti la caccia e la pesca del nostro territorio.

Immissione fauna ittica da parte della Polizia Provinciale

Conseguentemente, a seguito di autorizzazione della Regione Toscana all’immissione di fauna ittica in numero di circa 60.000 avannotti di trota mediterranea (salmo trutta macrostigma), il personale del Corpo di Polizia provinciale è stato incaricato di procedere, il giorno sabato 7 Maggio 2022, a recarsi presso apposito impianto ittico nell’Aretino, al fine di prelevare detta fauna ittica.

Gli avannotti sono stati quindi trasportati sul nostro territorio e immediatamente immessi, con l’ausilio delle Guardie Volontarie Ittiche delle Associazioni dei pescatori e con la collaborazione dei pescatori stessi, nei seguenti corsi d’acqua: Rio Meo, Torrente Fiumenta, Torrente Torbola, Fosso di Maciano, Torrente Carigiola, Rio Maggiore, Fiume Bisenzio, Torrente Fiumicello, Rio Allese, Rio Cambiaticcio, Rio Fornelli, Fosso di Bronia e Torrente Bagnolo.

L’immissione di fauna  ittica nei corpi idrici è sempre una attività delicata per gli equilibri biologici e necessita di preventivi studi qualificati ad opera degli Enti competenti. Per questo è sempre necessaria una specifica preventiva autorizzazione da parte della Regione Toscana, Servizio Caccia  e Pesca ed è importante che dette immissioni debbano avvenire alla presenza di personale preposto alla vigilanza.

A tal fine il Corpo di Polizia Provinciale di Prato è costantemente impegnato nel controllo e nella salvaguardia della fauna, tramite il contrasto al bracconaggio sia venatorio che ittico.

Per quanto riguarda le acque pubbliche del nostro territorio si ricorda che la pesca è consentita ma nel rispetto della normativa, sia nazionale che regionale che la regolamenta.

Si ricorda altresì la disponibilità a fornire informazioni e ricevere richieste e/o segnalazioni attraverso il numero di telefono 337-317977 o il sito internet della Provincia di Prato.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter