Attualità
Firenze

“Il tempo rimasto”, Gaglianone racconta gli anziani d’Italia

Il documentario è una riflessione sulla vecchiaia e su cosa si può scoprire guardandosi in questo specchio.

“Il tempo rimasto”, Gaglianone racconta gli anziani d’Italia
Attualità Firenze, 21 Febbraio 2022 ore 10:30

“Il tempo rimasto”, Gaglianone racconta gli anziani d’Italia

Un film su dei bambini e dei giovani che ora, con le rughe disegnate sul viso, ritornano indietro, a volte come se fossero di nuovo là dove sono stati. In questa distanza che cerca di annullarsi abita il confronto fra il tempo che resta e quello che resterà. Una riflessione sulla vecchiaia e su cosa si può scoprire guardandosi in questo specchio. Un lungo percorso di ascolto e di incontri attraverso l'Italia, alla ricerca di un mondo “fino a ieri” che a volte appare remotissimo, a volte stranamente presente.E’ il documentario “Il tempo rimasto” che sarà proiettato al Cinema Stensen mercoledì 23 febbraio alle ore 21 alla presenza del regista Daniele Gaglianone (ingresso 8 euro, viale don Minzoni 25).

Il commento del regista

"Realizzare questo documentario è stata un'opportunità che spero sia condivisa dagli spettatori: la possibilità di ascoltare parole che sembra che la nostra società non voglia più ascoltare; osservare e scrutare volti che la nostra società sembra non voler più vedere – ha spiegato il regista Gaglianone - Mai come in questi due anni di pandemia si è parlato di chi ha molti anni sulle spalle e vive una condizione di fragilità; ma nello stesso tempo la vecchiaia è sparita dalla nostra quotidianità. L'attenzione alla salute degli anziani ha prodotto un allontanamento dal resto delle persone. Nel film non si parla di emergenze sanitarie e l'attualità non domina il procedere del racconto, tutt'altro.

Dopo aver fatto questo lungo viaggio in decine e decine di storie, di ricordi tristi e felici, penso di aver vissuto il privilegio di incontrare un mondo prezioso. Farebbe bene al nostro mondo bulimico, sempre più schiacciato su un presente scivoloso perdersi in questo tempo sospeso. Sarebbe saggio prenderselo questo tempo di ascolto e di incontro, andando alla ricerca del tempo cristallizzato in una fotografia, in un brillare di occhi, in una risata, in un silenzio”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter