Attualità
CRONACA

‌Fiabe di ieri, oggi: le più classiche fiabe per bambini riscritte senza gli stereotipi di genere, al via una nuova rassegna alla biblioteca comunale di Lastra

La rassegna a Lastra a Signa è dedicata ai bambini dai 6 agli 11 anni

‌Fiabe di ieri, oggi: le più classiche fiabe per bambini riscritte senza gli stereotipi di genere, al via una nuova rassegna alla biblioteca comunale di Lastra
Attualità Piana Fiorentina, 07 Aprile 2022 ore 15:25

Cappuccetto Rosso che si salva da sola dalle fauci del lupo grazie alla sua intelligenza e furbizia o la Sirenetta che non perderà né la voce e né la coda per farsi amare dal principe.
Sono le Fiabe di ieri, oggi, le più classiche fiabe per bambini riscritte da Sibilla Santoni senza stereotipi di genere in cui le femmine e maschi hanno pari opportunità, strumenti e capacità di superare gli ostacoli, le protagoniste della nuova rassegna per bambini dai 6 agli 11 anni che partirà da martedì 12 aprile alla Biblioteca Comunale di Lastra a Signa.

Da martedì 12 aprile

L’autrice dell’omonimo libro Sibilla Santoni racconterà ai ragazzi la sua versione delle fiabe, confrontandosi con loro su riflessioni e temi che potranno emergere.
Si parte martedì 12 aprile con Cappuccetto Rosso, martedì 26 aprile sarà la volta della Sirenetta, martedì 10 maggio di Biancaneve e martedì 24 maggio la Bella addormentata nel bosco. Gli appuntamenti saranno sempre alle 17, per partecipare è necessaria la prenotazione al numero 0553270124.

Sibilla Santoni è avvocata, mamma di Marina e Vittorio e moglie di Alberto, è presidente del Comitato Pari Opportunità dell’Ordine degli Avvocati di Firenze dal novembre 2018.

“Il nostro Comune sta mettendo in atto da tempo – ha evidenziato il sindaco Angela Bagni- campagne e progetti per abbattere gli stereotipi di genere soprattutto indirizzate ai giovani e giovanissimi. Ricordiamo che lo scorso anno abbiamo promosso nelle scuole primarie il laboratorio La Valigia che aveva proprio la finalità di far riflettere gli alunni sulla libera e più consapevole ricerca della propria personale espressione, lontano dal giudizio e nel rispetto delle diversità. Continuiamo quindi a lavorare con i ragazzi su questi temi, grazie al progetto innovativo di Sibilla Santoni, poiché crediamo che si debba partire dalle giovani generazioni per cambiare la prospettiva delle cose”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter