BECCATI

Furti di “Gratta e Vinci”. Razziano un bar-ricevitoria a Scandicci

Intanto sempre ieri a Firenze hanno tentanto di borseggiare una donna, ma era una poliziotta non in servizio e ha sventato il colpo.

Furti di “Gratta e Vinci”. Razziano un bar-ricevitoria a Scandicci
Firenze, 02 Luglio 2020 ore 12:33

La notte scorsa, con l’accusa di furto pluriaggravato in concorso, la Polizia di Stato ha arrestato 5 uomini di età compresa tra i 37 e i 54 anni. Si tratta di 3 cittadini kosovari, un cittadino serbo ed uno rumeno che, dopo aver tagliato la saracinesca di un bar-ricevitoria a Scandicci, hanno messo a segno un colpo portando via “gratta e vinci” e il fondo cassa del locale.

L’operazione, condotta dalla Squadra Mobile di Firenze diretta da Antonino De Santis, che ha portato alla cattura del gruppo, è cominciata ieri pomeriggio quando una pattuglia dei “Falchi” della Sezione Contrasto al Crimine Diffuso ha notato un’auto sospetta in zona Isolotto. La vettura ha infatti effettuato per diverso tempo una serie di passaggi con soste prolungate presso le tabaccherie della zona spostandosi poi verso Scandicci.

Gli agenti non hanno impiegato molto tempo a capire che quegli spostamenti, monitorati a distanza, consistevano in veri e propri sopralluoghi verosimilmente finalizzati a compiere furti nelle ricevitorie, come già avvenuto nel capoluogo toscano. I poliziotti hanno a lungo pedinato l’auto che in serata si è incontrata a Scandicci con un’altra macchina con a bordo tre persone.

Durante il pedinamento i sospetti si sono anche alternati a dormire negli abitacoli delle autovetture fino a quando non è calata la notte ed il gruppo, composto così in totale da sei persone, è entrato in azione, ognuno con compiti ben precisi.

Secondo quanto è stato possibile ricostruire, tre si sono posizionati in modo da poter osservare quello che accadeva lungo la strada e avvisare i complici in caso di arrivo della Polizia; uno, con l’aiuto di altri due, ha tagliato materialmente il bandone dell’attività per tutta la sua larghezza provocando qualche migliaia di euro di danni; gli ultimi due, infine, hanno forzato la porta d’ingresso del bar appropriandosi di gratta e vinci per poco meno di 4000 euro di controvalore e del fondo cassa per oltre un centinaio d’euro.

L’azione è durata pochissimo. Dopo il colpo i sei uomini sono risaliti a bordo delle autovetture e si sono allontanati rapidamente seguiti dai Falchi della Squadra Mobile che si erano appostati a distanza per non dare nell’occhio.

I fuggitivi sono stati raggiunti e fermati in zona Porta al Prato e in cinque sono finiti in manette; uno non era a bordo delle autovetture controllate e non è stato rintracciato. La Polizia ha recuperato l’intera refurtiva, custodita in un sacco per l’immondizia, oltre ad un paio di forbici da lattoniere di 25 cm, due cacciavite ed un punteruolo. Gli indagati, tutti con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, sono stati associati al carcere di Sollicciano in attesa della convalida.

“Mia” e “Eviva” ancora a segno

Al Parco delle Cascine scoperto e sequestrato mezzo chilo di droga sotto terra

Nel primo pomeriggio di ieri, “Mia” e “Eviva”, due dei cani antidroga della Questura di Firenze, hanno scoperto sotto terra oltre mezzo chilo di droga tra hashish e marijuana.

L’infallibile fiuto delle unità cinofile ha permesso di rinvenire e sequestrare l’ingente quantitativo di stupefacente suddiviso in 62 involucri di marijuana per un peso complessivo di 396 grammi e diversi frammenti di hashish per 116 grammi di sostanza.

La droga recuperata avrebbe potuto fruttare nel mercato illecito degli stupefacenti tra i 3000 e i 5000 euro.

 

Tentano di borseggiare una donna: è una poliziotta

Ieri pomeriggio, intorno alle ore 17.45, due uomini hanno tentato di sfilare il portafogli dalla borsa di una donna all’interno di una libreria di Piazza della Repubblica.

Ignari che la vittima designata fosse una poliziotta libera dal servizio, appena entrati in azione, sono stati subito scoperti: uno dei due aveva già afferrato il portafogli all’interno della borsa della donna, quando quest’ultima gli ha bloccato il braccio ed ha tirato fuori il “distintivo”.

Il complice si è dato alla fuga facendo perdere le sue tracce, mentre l’uomo sorpreso con le “mani nel sacco” è stato fermato anche con l’ausilio di una pattuglia della Polizia di Stato presente nella Piazza.

Si tratta di un incensurato cittadino peruviano di 21 anni che è stato prontamente denunciato per tentato furto in concorso.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità